Mantova | 7-9 giugno 2024

Mantova | 7-9 giugno 2024

Ultra distanze, imprese impossibili e preparazione mentale

giovedì, 27 Aprile, 2023

Abbiamo fatto due chiacchiere con Thomas Boury.
Con partenza da Avallon, non lontano dalla terra in cui è nato, e arrivo a Le Cap d’Agde, il luogo dei suoi ricordi d’infanzia, Thomas Boury ha deciso di stabilire il primo FKT lungo la GTMC (Grande Traversée du Massif Central). Un viaggio in bicicletta di 1400 km in piena autonomia con un allestimento minimalista: una Kona Unit singlespeed costruita con una forcella rigida. 6 giorni e 36 minuti, questo è il tempo che ha impiegato per coprire l’intera lunghezza del percorso. Un’avventura epica, sotto gli occhi del padre Thierry. La storia di questo FKT non sta solo nei numeri e nella velocità. Ci porta nel cuore del mondo dell’ultra-endurance, dove la privazione del sonno e lo sforzo portano l’animo umano ai suoi limiti.

Le lunghe distanze in velocità, la solitudine, l’essere primo (o essere unico). Noi di BAM siamo tutti un po’ scappati di casa sotto questo aspetto. 
Ci racconti cos’è per te?

Beh, se FKT sta per Fastest Known Time, personalmente vedo questo tipo di attività come un’avventura più che come una gara. Il fatto di essere da solo è molto simile al bikepacking o a un’avventura personale. Quando si gareggia, il flusso della gara ci spinge sempre a trovare nuove leve motivazionali, ma durante l’FKT si è da soli e la sensazione è molto diversa. Si innescano motivazioni molto interpersonali per farlo. Ovviamente, essere il primo a fare qualcosa o essere in cima alla classifica è sempre bello da sentire, ma non è certo la cosa che mi motiva in primo luogo. Per me l’FKT è solo una scusa per scoprire un po’ di più il mio io interiore e per esplorare nuovi percorsi.

Quando inizia questa passione, e propensione?

Pratico il bikepacking dal 2014-15. Sono andato a vivere a Melbourne per seguire il Bicycle Messenger World Championship (ero un corriere) e all’epoca ricordo di essere andato in giro da solo e poi con alcuni amici. Ho scoperto che la possibilità di coprire lunghe distanze in un giorno era molto eccitante. Si possono vedere molte cose diverse in un breve lasso di tempo. Il primo vero viaggio in bikepacking è stato a Natale 2015 con il mio amico Lewis Ciddor (vincitore del Tour Divide 18). Abbiamo attraversato le Alpi Vittoriane in bicicletta per un paio di giorni. È stata un’esperienza molto bella. Un paio di mesi dopo ho attraversato l’isola meridionale della Nuova Zelanda con la mia bicicletta a scatto fisso. Per oltre un mese ho pedalato e corso attraverso questo splendido paese. Questo mi ha fatto conoscere il bikepacking e la semplicità del “pedala, mangia, dormi, ripeti”. Ma non sono mai andato oltre. All’epoca correvo più che pedalare. Più tardi, tra il 2018 e il 2020, ho subito un infortunio all’inguine, che è fondamentalmente un’infiammazione della zona pubica. Mi sono operato, ma in questo periodo andavo più in bicicletta che a correre. Ho provato i “7 majeurs” tra Francia e Italia. Si tratta di un anello di 365 km che copre 7 passi oltre i 2000 metri, come il Col de Agnel, il Col de la Lombarde, il Fauniera ecc… Ho impiegato 20 ore per percorrere l’anello. Credo che questo sia stato il primo vero assaggio di ultracycling. Poi, nel 2021, ho deciso di iscrivermi alla mia prima gara. La Bikingman France, 1.000 km attraverso il sud della Francia con oltre 20.000 metri di dislivello. Da allora non ho mai smesso di correre 🙂

Come è iniziata la tua preparazione fisica e mentale? 

Ho sempre avuto un approccio “sportivo” nel senso che amo analizzare i dati, monitorare i miei allenamenti ecc. Volevo costruire un progetto sportivo a più ampio spettro, con un approccio professionale. Quindi, fin dall’inizio, il mio allenamento ha sempre implementato un lavoro sulla forza e sul core, ma di recente ho professionalizzato alcuni aspetti. Ho iniziato la preparazione mentale alla fine del 2021 e lavoro con un fisioterapista dallo scorso inverno.

Photo credit: Ryan Le Garrec

Ci parli di più della preparazione della mente? (Come la prepari? Che esercizi fai? Come le governi o la assecondi? altro)

Durante l’inverno 2021 ho iniziato a lavorare con Anne sulla mia preparazione mentale. Ma il fatto è che in primo luogo non ho iniziato a lavorare con lei proprio sulla preparazione mentale. Anne ha diverse competenze e il suo lavoro non riguarda solo la preparazione mentale. Si occupa anche di coaching individuale per la vita professionale. Credo che all’epoca fossi un po’ perso dal punto di vista professionale. Avevo un buon lavoro sulla carta, un buon stipendio, ma non mi sentivo bene. Il mio obiettivo nel rivolgermi a lei era prima di tutto quello di esplorare le mie esigenze e aspettative nella mia vita professionale, e poi di passare alla preparazione mentale per il ciclismo. Credevo davvero in un approccio olistico. Se cerchi di sentirti bene in bici ma gli altri settori della tua vita non ti soddisfano, non sarai in grado di sfruttare appieno il tuo potenziale in bici. È una sorta di equilibrio di vita. Avevo bisogno di riavviare i motivi per cui facevo le cose che facevo. Quando si va in bicicletta per 1.000 km o più, bisogna sapere perché lo si fa. Cosa cerchi, quali sono le tue aspettative? Penso che molte persone che abbandonano le gare non si siano poste abbastanza domande prima di intraprendere avventure così difficili e introspettive. È quello che ho fatto con Anne. Abbiamo lavorato insieme per individuare le mie motivazioni, la mia definizione di successo, il mio modo di affrontare il dolore, ecc. Per farlo, abbiamo fatto esercizi di visualizzazione, abbiamo messo nero su bianco quali erano le mie aspettative, come definivo il successo, ecc. Esistono molti strumenti per definire la preparazione mentale. Se state cercando una risposta universale su cosa sia la preparazione mentale, credo che non esista. Io la vedo come una somma di strumenti che aiutano a gestire i propri pensieri e il modo in cui ci si approccia alle situazioni.

La mente si ferma molto prima del corpo? (nelle difficoltà, principalmente.)

Dipende dalla situazione. Il corpo umano, per natura, cerca il comfort. Quando ci si pone al di fuori della propria zona di comfort, e se prima di quella situazione si è lavorato su vari aspetti mentali, si è più tranquilli rispetto a chi non l’ha fatto. Per esempio, se avete riconosciuto i motivi per cui state facendo quella cosa, siete molto più in pace con voi stessi perché accettate pienamente che si tratta di una scelta consapevole. Supponiamo, ad esempio, che stiate andando in bicicletta durante una gara e che il tempo sia uno schifo. Una vera merda. Freddo, vento, pioggia. In questo caso, è molto probabile che il vostro corpo si abbassi prima della vostra mente. Inizierete a rabbrividire e poi, se non vi siete allenati, vi cadrà la mente. Ma se avete cercato le vostre motivazioni, se vi siete ripetuti che questa è una scelta consapevole di essere là fuori, che fa parte dell’avventura, la vostra mente non cercherà di combattere tanto la situazione di disagio, ma piuttosto di lasciarla passare e attraversarla.

Similitudini tra ultra-endurance e vita/esistenza?

Vedo entrambi come un viaggio. Con alti e bassi, momenti alti e bassi. Devi sviluppare la tua grinta e la tua resilienza, niente è facile da ottenere e devi lottare per ottenerlo. Per me gareggiare nell’ultra-endurance è come vivere una vita condensata. Nell’ultra-endurance come nella vita bisogna reinventarsi, trovare soluzioni ai problemi per andare avanti. La filosofia che ho applicato alla mia attività di ultra-endurance è molto simile a quella che ho nella vita. Il mio ottimismo, la gioia e la paura sono sempre affiancati. 

L’assetto della bicicletta per un FKT dev’essere perfetto? Com’è? 

La configurazione ideale è quella con cui vi trovate bene. Il grande errore sarebbe quello di replicare il modo di fare degli altri. Ad esempio, per quanto mi riguarda, il mio assetto è molto minimalista. Di solito non porto con me nessun materassino o sacco a pelo (anche se mi piace avere un cuscino), i miei vestiti sono molto limitati con solo braccia e gambe calde, un giubbotto e una giacca antipioggia. Non esiste una configurazione perfetta. Dovete trovare quello con cui vi sentite a vostro agio. Un buon set-up è quello che avete. Non è necessario acquistare le ultime scarpe di lusso con suola in carbonio per massimizzare le prestazioni. Ovviamente saranno d’aiuto, ma non sono il fattore che cambia le cose. Utilizzate quello che avete, allenatevi, prendete confidenza con esso, fate della vostra bicicletta un’estensione del vostro corpo. Conoscete i suoi vantaggi e prendete confidenza con essa. È tutto!

Photo credit: Ryan Le Garrec

L’esperienza più dura mentalmente della tua vita?

Direi che non è legata alle bici. Probabilmente si tratta della perdita di un familiare. Ciò che è interessante notare è che la bicicletta e l’endurance dovrebbero essere divertenti. Ovviamente scendere da un passo di notte sotto una pioggia gelida e battente non è molto divertente, ed è dura, ma va bene perché ho scelto di essere lì, nel bel mezzo dell’alba, al freddo da solo. Sto facendo ciò che amo di più, pedalare. Ho pianto durante il mio tentativo di FKT alla GTMC. Credo di aver urtato un muro a un certo punto, ma è andata bene. È stato più che altro un modo per scaricare la pressione. Mi sentivo a mio agio con il dolore, ecc. Per rispondere alla domanda, direi che la parte più difficile è quando ci si allena sui rulli a casa, di solito dopo la pausa invernale o dopo la prima gara importante della stagione. Quando devi tornare alla radice dell’allenamento e iniziare a fare degli intervalli difficili. Sono lì che mi chiedo se sono davvero fatto per essere un atleta. È difficile gestire i dubbi. Spero di aver scritto il mio piano a lungo termine e di sapere perché lo sto facendo. È anche questo che fa la differenza tra un exploit di un solo giorno e una lunga carriera. Chi ha fatto qualcosa di straordinario un giorno, ma non l’ha mai rinnovato, probabilmente soffre troppo per realizzare ciò che ha fatto. Se costruiamo la nostra realizzazione con più dolore che piacere, è molto probabile che la gioia che ne deriva non sarà mai all’altezza del dolore che abbiamo provato. Ecco perché è molto importante coltivare la gioia e il piacere mentre si fanno le cose che si amano. Nel nostro caso, andare in bicicletta. Alla fine, scendere un passo in una notte fredda o superare un intervallo difficile mi dà più gioia che dolore. Farò attenzione a monitorare il percorso. Come un fioraio, innaffio il mio corpo e la mia mente ascoltandoli.

L’esperienza più dura, fisicamente?
Mal di sella durante la Atlas Mountain Race 2022. Il dolore fisico è stato forte. Ma è divertente vedere come tanto dolore durante la gara possa scomparire nel giro di un giorno o due senza pedalare. Quindi, se pensate di abbandonare la gara, prendete un albergo, fate una doccia calda e una buona notte di sonno e il giorno dopo vedrete le cose in modo diverso.

Quando non ce la fai, cosa ti dici?

Non penso mai al fatto che non posso farlo. Mi dico sempre che posso fare tutto. Forse non sono il più veloce, ma va bene così. Tutti abbiamo delle capacità, ma prima bisogna avere fiducia in se stessi. Sto cercando di non complicare troppo le cose, attenendomi al fare anziché pensare a come fare. Questo è ciò che mi aiuta durante una gara o un FKT. È solo continuare a pedalare. Ho anche sviluppato dei piccoli mantra che continuo a ripetere a me stesso. Il mio preferito è “je suis ce que je fais, je fais ce que je suis”, che in inglese si può tradurre con “sono ciò che sto facendo, sto facendo ciò che sono”. Pronunciare queste poche parole mi dà la forza e la sicurezza di essere nel posto giusto al momento giusto, facendo ciò che amo. Mi sento allineato dentro. Quindi il miglior consiglio che posso dare è quello di trovare il vostro mantra che vi sollevi. Può essere qualsiasi cosa, una parola, un’espressione, un gesto, quello che preferite. Tenetelo stretto, praticatelo durante l’allenamento e usatelo quando il gioco si fa duro.

Photo credit: Ryan Le Garrec